Teli EPDM e PVC atossici per la realizzazione di laghetti da giardino e grandi laghi artificiali

Teli EPDM e PVC atossici per la realizzazione di laghetti da giardino e grandi laghi artificiali

Principali utilizzi dei bacini idrici

• Lo stoccaggio delle acque meteoriche in lagoni artificiali ad uso irriguo è senza dubbio uno tra gli utilizzi più diffusi: la raccolta di acqua piovana per far fronte ai periodi di siccità sta diventando sempre più importante.
I laghi artificiali costituiscono infatti un'utile risorsa per l'irrigazione, ma non solo.
• Possono essere impiegati nel campo delle riserve idriche antincendio, per il rifornimento degli elicotteri o delle autobotti dei vigili del fuoco, o persino per il loro addestramento.
• Possono altresì essere realizzati in maniera da apparire del tutto naturali e adattati per la balneazione (biolaghi, biopiscine, piscine Biodesign o Termapond) o avere funzione estetico - ornamentale qualora inseriti in campi golf, ville, parchi naturali e giardini, quindi arricchiti dalla presenza di piante acquatiche o fitodepuranti e pesci, come ad esempio le carpe Koi (la ditta Benza non fornisce direttamente piante e pesci, mentre è in grado di consigliare un idoneo impianto di filtrazione, pompaggio e irrigazione).
• Possono avere scopi industriali, per la pulizia dei materiali di risulta dalla lavorazione delle materie prime (esempio: lavaggi industriali nelle cave, nelle miniere o sui cantieri edili o per la realizzazione di grandi opere pubbliche), per stoccare gli olii derivanti dalle più disparate produzioni (esempio: scarti della sansa o della polpa di olive), o per la depurazione delle acque reflue, talvolta anche mediante la sola fitodepurazione.
• Possono venire altresì impiegati per la pesca sportiva e per gli sport acquatici quali la canoa, il kitesurf, il windsurf o nuove attività sportive che stanno prendendo piede di recente, come il wakeboard o cableboard.
• Mediante l'impiego di teli impermeabili certificati per l'uso, possono infine contenere persino liquami zootecnici (si veda la pagina relativa allo stoccaggio dei reflui suini e bovini) oppure olii indutriali, olii risultanti dalla lavorazione dei frantoi, reflui oleari, olio di palma, percolato di discarica, acque reflue etc.
Ad ogni utilizzo, infatti, corrisponde la necessità di un telone o guaina o geostuoia o geotessuti appropriati; siamo sempre disponibili per consigli in merito.
Richiedi un preventivo gratuito, compilando l'apposito modulo di richiesta preventivi.
Per conoscere i prezzi di listino aggiornati, entra alla pagina Teli atossici e tessuti per laghetti e laghi artificiali.

Siamo distributori esclusivi Genap® per tutta l'Italia dal 1978.

Tipologie di teloni per le impermeabilizzazioni

Il metodo più semplice per la costruzione di un lago artificiale per il contenimento dell'acqua (e altri liquidi) consiste nello scavare una fossa delle dimensioni desiderate e rivestirla con i teli appropriati.
I principali materiali utilizzati per la realizzazione dei lagoni sono principalente tre: PVC, EPDM, PP (polipropilene, poliolefine), ma anche HDPE, LDPE (polietilene ad alta e bassa densità) ed altri ancora. Le schede tecniche di tutti i materiali si trovano alla pagina "Certificazioni e dati tecnici".
Il telone impermeabile viene prefabbricato su misura in fabbrica e, a seconda dei casi, può essere posato in loco in un solo pezzo, fino a 10.000 mq (100m x 100m): ciò permette la stesura in un solo giorno lavorativo, risparmiando moltissimo sui costi della manodopera.
Nota bene: le saldature predisposte in fabbrica mediante appositi macchinari hanno una qualità nettamente superiore a quelle realizzate a mano in loco. Tuttavia, "pezza unica" significa, appunto, "pre-saldato in fabbrica", non che il telo sia del tutto privo di giunzioni.
È possibile installare (in loco o pre-saldati in fabbrica) raccordi per l'ingresso e per l'uscita dell'acqua, nonché per assolvere alla funzione di troppo pieno.
È altresì possibile evitare la formazione delle alghe semplicemente posando sull'acqua un telo antialghe galleggiante (Genafloat) oppure coprendo in maniera completa il lagone, utilizzando un tessuto intrecciato resistente alla tensione (Genatex), fino a 20 metri di larghezza (lunghezza libera).
A richiesta viene fornito un telo di protezione delle sponde in plastica tessuta (Genatex), per permettere il calpestìo a bordo lago e per proteggere alcune guaine impermeabili dall'impatto dei raggi UV.

Filmati di installazione

Allo scopo di spiegare in maniera più esaustiva possibile le procedure per l'impermeabilizzazione di un lago artificiale, vengono di seguito presentati 5 interessanti filmati.

1. Filmato sulla realizzazione di un lago artificiale:
(Castelbuono, Sicilia, 2003) Una realizzazione tra le più classiche: un lagone ad uso irriguo; dapprima il tessuto non tessuto viene tagliato a pezzi, steso e sovrapposto per 10 cm circa, allo scopo di separare le pietre dal telo impermeabile, quindi la geostuoia atossica (presaldata in un solo pezzo in fabbrica) viene tirata, anche mediante l'ausilio di una ruspa, poi ancora vengono saldati i tubi, ed infine viene fissato il telo di protezione sponde, per la protezione dal camminamento, la risalita dagli animali e garantire la resistenza ai raggi UV.
2. Lago artificiale dalla forma rotonda:
(Castelbuono, Sicilia, 2003) Una realizzazione simile alla precedente ma, in questo caso, la particolarità è la forma dell'invaso: il fatto che sia rotonda, come è possibile notare, non inficia minimamente il risultato finale; è sufficiente piegare i teli impermeabili, che sono realizzati in forma quadrata. Le misure del lago erano approssimativamente: Ø 30 metri, profondità 6 metri, inclinazione sponde a 45°. Audio e spiegazioni in italiano.
3. Progettazione, fabbricazione, stesura:
(Paesi Bassi, 2007) Un grande lago artificiale destinato allo stoccaggio dell'acqua irrigua, dotato di tubazioni passanti attraverso i teli impermeabili saldati in loco. Qui è possibile vedere anche uno step precedente alla posa in opera: misurazione, progettazione e creazione del telo in fabbrica. Il filmato spiega come sia possibile impermeabilizzare un lago artificiale in una sola giornata lavorativa, grazie alla presaldatura in fabbrica dei teli impermeabili (fino a 100 x 100 metri, ovvero 10.000 metri quadrati).
4. Istruzioni per laghetti da giardino:
Spiegazione di Danilo Benza per la realizzazione di un troppo pieno o di un tubo di scarico passante attraverso i teli per laghetti da giardino.
Ecco come installare un raccordo tradux (passante per tubi, idoneo altresì per il passaggio di cavi elettrici per le pompe per laghetti) attraverso il telo per laghi artificiali.
5. Istruzioni per la vulcanizzazione:
(Sardegna, 2015) Riprese realizzate durante l'impermeabilizzazione di un canale che porta a una diga, anch'essa impermeabilizzata, come mostrata anche nella relativa fotogallery.
Il video mostra le saldature (mediante vulcanizzazione a freddo con primer e nastro vulcanizzante) di 2 rotoli di telo Firestone EPDM già stesi a terra, sulle sponde del fiume.
Nel filmato viene altresì mostrata la riparazione di un foro nel telo impermeabile: un'operazione semplicissima, che può essere realizzata grazie all'apposito Kit di riparazione fori.

Foto gallery sui laghi artificiali: precedenti realizzazioni

Cliccando sulla categoria di interesse si aprirà la relativa galleria di immagini.
Non solo piccoli laghetti da giardino! Tra le varie fotogallery è possibile visionare anche grandi opere, tratte dalle nostre realizzazioni: laghi artificiali fino a 15.000 metri quadrati, laghi per le attività sportive, isole impermeabilizzate di 50 metri di lunghezza, riserve idriche antincendio, impermeabilizzazioni di dighe di 60 metri di larghezza, canali, fiumi, pozzi, ponti, cascatelle e molto molto altro!